UN BLOG
IN FORMA DI MAGAZINE
E VICEVERSA

Allonsanfàn

Leggere Wlodek Goldkorn. La memoria, l’identità e la scelta di Abramo

Per lungo tempo Wlodek Goldkorn si è occupato dei libri degli altri. Per nostra fortuna ora si occupa prevalentemente dei suoi. Non è facile definire i suoi lavori. Tecnicamente sono saggi resi visionari e poetici dalla tensione morale che li attraversa: Goldkorn scrive per comprendere, per dare una spiegazione a sé stesso prim’ancora che al …

Leggi tuttoLeggere Wlodek Goldkorn. La memoria, l’identità e la scelta di Abramo

This Is Us

Serial felici. This Is Us e la rivincita dell’happy ending

La cosa più imbarazzante è quando l’intelligenza, il gusto, l’intensità, sono al servizio di una storia fatta di buoni sentimenti. Intollerabile affronto a una delle poche certezze dell’estetica: se i personaggi sono tutti dal primo all’ultimo “buoni”, se crescono come persone nel corso della storia, se la storia stessa è un concentrato doppio brodo Star di …

Leggi tuttoSerial felici. This Is Us e la rivincita dell’happy ending

Conflitto di valori. Vita e libertà alla prova del virus

Secondo Agnes Heller, pensatrice ultimamente ritornata di moda, le due idee-guida della modernità sono la vita e la libertà. “E’ solo in un ambito di discussione pubblica che si può trovare una risposta in termini di reale libertà o di vita vera, una risposta che tenga conto e cerchi uguali opportunità di vita per tutti, o …

Leggi tuttoConflitto di valori. Vita e libertà alla prova del virus

The last word Netflix

The last word e l’eterno problema dei serial: l’ultima puntata

The last word è una mini serie in onda su Netflix. Tratta di morte, funerali ed eloquenza. Ci sono capitato per caso spinto dalla disperazione: il nostro range (della mia compagna e mio) di gradimento è più esile di una speranza, come dicevano di Spike, il cugino di Snoopy. Chi fosse interessato ad ambienti genericamente berlinesi …

Leggi tuttoThe last word e l’eterno problema dei serial: l’ultima puntata

carlo rovelli helgoland

Leggere. Helgoland di Carlo Rovelli e l’infinito gioco di specchi

Ogni volta che leggo un lavoro di Carlo Rovelli so che sarà necessaria una seconda lettura. E poi una terza e una quarta. Sono consapevole che ciò che credevo di aver compreso sparirà miseramente dalla mia mente con la stessa velocità con cui l’acqua, levato il tappo, scorre nel lavandino. Gli amici fisici che frequentavo nei …

Leggi tuttoLeggere. Helgoland di Carlo Rovelli e l’infinito gioco di specchi

Ripassando Freud. Il disagio di una civiltà: la nostra

Mentre serata dopo serata mi sciroppo il fantasioso Freud secondo Netflix, ho terminato di leggere Freud in vita e in morte (Bollati Boringhieri) biografia scritta da Max Schur il medico che accudì Freud negli ultimi anni di vita. Schur, giovane internista che si avviava a diventare psicoanalista, oltre a una documentazione straordinaria per vastità e ricchezza, …

Leggi tuttoRipassando Freud. Il disagio di una civiltà: la nostra

philip roth

Philip Roth e il doloroso mestiere di leggere

Tra le tante citazioni citabili di Philip Roth, Paolo Di Paolo su Repubblica del 21 maggio ci propone questa: “La gente non legge pensando all’arte: legge pensando alle persone”. Magistrale e, con buona pace di chi non sapendo scrivere fa il critico letterario, definitiva. Come si trasforma un personaggio in persona, ad esempio Nathan Zuckerman, questo Roth si …

Leggi tuttoPhilip Roth e il doloroso mestiere di leggere