UN BLOG
IN FORMA DI MAGAZINE
E VICEVERSA

Allonsanfàn

Julio Cortázar superstar

I racconti di Tanto amore per Glenda sono stati ripubblicati da Guanda (traduzione Cesare Greppi) Julio Cortázar per me è prima di tutto la copertina di Ottaedro, Einaudi, prima edizione italiana 1979: un Hockney quasi funereo che ritrae una giovane e attonita coppia borghese – si avverte una minaccia: in uno dei racconti più belli della …

Leggi tutto

Anna su Sky. Niccolò Ammaniti, l’adolescenza e il lutto

Niccolò Ammaniti si era dimostrato un buon cineasta ma un cattivo (o troppo indulgente) lettore dell’anima politica italiana nella serie Sky Il Miracolo (2018, sua la regia e il soggetto originale). Per un motivo semplice: sceneggiava gli acuti travagli interiori di un premier quasi calvinista – angosciato per il pianto di sangue irrefrenabile e inspiegabile …

Leggi tutto

marco Balzano

Marco Balzano, Quando tornerò: il mal d’Italia di una badante romena nel romanzo per le donne migranti

Vivere lontano dalla famiglia, dal proprio paese, quasi in apnea, accanto a un vecchio sconosciuto che soffre di demenza, il figlio del quale crede che tu non sappia neppure che cosa sia una lavatrice. Seppellire l’angoscia in sequenze di gesti meccanici, di pura praticità, condividendo il tempo senza scopo di chi non ha più un …

Leggi tutto

Le ferite Einaudi

Le ferite sconfinate che ci contengono tutti. 14 racconti (da leggere adagio) per Msf

Nel libro dedicato ai 50 anni di Medici senza Frontiere non si nomina mai Medici senza Frontiere. Non una riga, non una parola che richiami la più grande organizzazione umanitaria indipendente, premio Nobel per la pace nel 1999, che dà assistenza medica di emergenza a milioni di persone in situazioni di crisi. Eppure, nei quattordici …

Leggi tutto

Dylan Thomas. Torna il radiodramma Milk Wood e la notte Bible black che ispirò i King Crimson e i BOCC

Ventiquattr’ore della vita di un immaginario paesino gallese, Llareggub – che letto al contrario si può tradurre con “un cazzo!” – dove tutto o quasi è affidato alla voce interiore dei suoi abitanti, a partire da un Virgilio immoto, il cieco Capitan Gatto, che dialoga con i suoi uomini morti in mare; e proseguendo incontreremo …

Leggi tutto

Kazuo Ishiguro, Klara and The Sun: il robot che prega il sole è più umano di noi

Kazuo Ishiguro o dell’innocente punto di vista: essendo in Klara and The Sun – il nuovo romanzo uscito per Faber & Faber e per noi da Einaudi – il punto di vista di Klara, creatura inferiore, sorta di androide privo di esperienza mondana e con capacità apparentemente limitata di apprendimento, nome commerciale AF ossia Artificial …

Leggi tutto