UN BLOG
IN FORMA DI MAGAZINE
E VICEVERSA

Allonsanfàn

Montaigne, l’arte di vivere e la foto di Shani Louk

Un libro tira l’altro. È il caso di Montaigne. L’arte di vivere (Sarah Bakewell, Fazi Editore) scoperto passeggiando in quel lussureggiante orto botanico che è Un secolo dentro l’altro (Alfonso Berardinelli, il Saggiatore) di cui ho scritto qui. Tornando a Montaigne, iniziamo a dire che scrivere su di lui è come scalare il K2 con le infradito. La …

Leggi tutto

Dalla parte dei bambini che giocano

Nel V libro della monumentale Guerra del Peloponneso Tucidide racconta una vicenda apparentemente insignificante per l’evolvere della storia e che non ha un particolare interesse bellico, ma serve a far capire le dinamiche e i motivi di quel lungo e drammatico conflitto. Melo era una piccola isola che, nonostante fosse molto vicina ad Atene, non era mai …

Leggi tutto

La primavera di Israele

E così anche Israele ha avuto la sua primavera. Ma non è da paragonare alle cruenti rivolte arabe del 2011 della Tunisia, della Libia, dell’Egitto, della Siria. Inoltre i “rivoltosi” non sono palestinesi dei territori occupati, ma cittadini del democratico e progredito Stato ebraico, che hanno inondato per giorni a centinaia di migliaia le strade …

Leggi tutto

Il boicottaggio di Rooney e i Protocolli dei Savi di Sion. 4 domande

È giusto boicottare un Paese per via delle sue scelte politiche? Quando ero giovane dalle mie parti non c’erano dubbi in proposito. Boicottare il Sudafrica per via dell’apartheid era ritenuta una scelta ovvia come respirare. Sempre dalle mie parti, anche il boicottaggio sportivo all’Argentina dei generali venne considerato alla stregua degli atti dovuti. Non giocare la …

Leggi tutto

L’orchestra per far pace tra Israele-Palestina in Crescendo, film che suona retorico

CRESCENDO #makemusicnotwar di Dror Zahavi, oggi al cinema, racconta la nascita di un’orchestra che si forma in nome della pace tra giovani palestinesi e israeliani, com’è accaduto nella realtà per la West-Eastern Divan Orchestra di Daniel Barenboim e Edward Said. Ma siano qui appena citati Barenboim e compagnia, perché il film si fa quasi da …

Leggi tutto