UN BLOG
IN FORMA DI MAGAZINE
E VICEVERSA

Allonsanfàn

Asghar Farhadi. Un eroe in bilico tra verità e menzogna

Tra la porta del carcere che si apre e la porta del carcere che si chiude, vive la vicenda di Un eroe, dove, nell’affannosa ricerca di equilibrio dei suoi protagonisti, in bilico tra verità e menzogna, si esalta la capacità drammaturgica di Asghar Farhadi, regista capace di essere realista nel raccontare un apologo e abilmente teatrale …

Leggi tutto

Un premio per Márta Mészáros agli European Film Awards e una visione di Nove mesi

Abbiamo visto Kilenc hónap/Nine Months/Nove mesi, di Márta Mészáros, Ungheria, 1976, in streaming su MUBI. In occasione della 34ma edizione degli European Film Awards e a riconoscimento del suo contributo al mondo del cinema, la European Film Academy le attribuisce il Premio alla Carriera per lo straordinario insieme del suo lavoro *** “Perché mi tratti …

Leggi tutto

Che hai fatto in tutti questi anni. Il Leone d’America nel libro di Negri Scaglione

Prendo un po’ alla lontana la lettura dell’avvincente libro-inchiesta di Piero Negri Scaglione Che hai fatto in tutti questi anni (Einaudi), dedicato a C’era una volta in America di Sergio Leone. Parto infatti da un ricordo personale di quasi mezzo secolo fa. Ecco: da ragazzino, io non amavo Sergio Leone per futili motivi, perché aveva …

Leggi tutto

Il silenzio grande di Gassmann. Dal teatro di de Giovanni con un Gallo da applausi

Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) è quello dei gialli di Ricciardi – assai piaciuti in tv – dove il commissario a cui gli spiriti narrano il fine vita degli uccisi va a spasso per gli anni Trenta con la bella faccia e il ricciolo malandrino di Lino Guanciale. Non che si voglia sottovalutare i Bastardi …

Leggi tutto

Intervista ad Arianna Prevedello. Spiegare l’amore con l’aiuto di Audrey

La domanda di una bambina alla madre crea uno stato di grazia, una sorta di benedizione – lo impariamo qui – e se rispondere è impervio, e potrebbe richiedere l’uso e lo spreco di parole frettolose, forse inutili o peggio confusive, l’adulto può scegliere il silenzio: è un’altra benedizione che crea uno stato di accoglimento. …

Leggi tutto

Mia Hansen-Løve, regista della perdita e della rinascita. Dal BFM39

Si può partire dallo strazio di una studentessa salutata dal suo ragazzo in partenza per un viaggio in Sudamerica che, già si capisce, lo porterà così lontano da cambiarlo. Lui diventa un altro, le lettere si diradano, lei si trova immobile nel buio dell’abbandono, tenta un goffo suicidio, si rimette a stento in piedi, fa …

Leggi tutto