UN BLOG
IN FORMA DI MAGAZINE
E VICEVERSA

Allonsanfàn

I diari di Andy Warhol, il genio che si “brandizzò”

È interessante ricordare – e diverte curiosare tra i sei episodi della miniserie Netflix I diari di Andy Warhol, tratti dal memoir dettato a Pat Hackett – che l’artista americano già dall’alba si propone come il brand di se stesso, attraverso la Andy Warhol Enterprises, nata per commercializzarne l’opera – a che cosa serve per esempio …

Leggi tutto

La semplicità di Maid e le canzoni cool di Sharon Van Etten

Per arrivare prima al cuore di Maid, miniserie in 10 episodi di Netflix, si può passare per le sofisticate canzoni di Sharon Van Etten (New Jersey, 1981): nella serie se ne ascoltano ben cinque, anche se non a caso l’attenzione cade su Every Time the Sun Comes Up dall’album Are We There (2014). “Ogni volta …

Leggi tutto

Dexter: New Blood. Dieci anni dopo, ritorna l’Oscuro Passeggero

All’inizio ci fu lo “strano caso” di Robert Louis Stevenson, dove bene e male si potevano tagliare al coltello, come un prosciutto. Il dottor Jekyll di qua, mister Hyde di là. Oggi, umilmente ma non troppo, si ripresenta diviso in due Dexter Morgan, quasi dieci anni dopo l’ultima disastrosa apparizione in tv. Vecchio, tormentato Dexter. Molto …

Leggi tutto

Gold Digger. Julia Ormond e un incasinato amore tardivo

Se bisogna gestire la stagione di una miniserie di 6 puntate da più di 50 minuti l’una, sorge una necessità – a meno di non essere un cineasta avantgarde dei tempi d’oro, tipo Andy Warhol, e risolvere tutto con micidiali quadri fissi dove non accade quasi nulla. La necessità di confrontarsi con un tempo lungo, …

Leggi tutto

Serie. Hausen, horror tedesco nel condominio che ci mangia l’anima

Hausen. Puntata numero uno. Padre e figlio, Jaschek e Juri, raggiungono a sera il condominio – un conglomerato di orrende costruzioni tipo una verticale banlieu dello squallore. Il padre è il nuovo “manutentore” (sic) dell’edificio, qualifica che si rivela non da poco: avrà molto da aggiustare… Fin dalle prime immagini la miseria post industriale – …

Leggi tutto

Serie crime. The Serpent: il pericolo di essere hippy nell’Asia dei Settanta

Il rifiuto della morale tradizionale è un passaggio fondamentale nella vita di una persona: chi lo elude è come un fiore che non sboccia mai. Ma è anche una fase pericolosissima. Non sarebbe poi così esagerato dire che i ventenni sono tutti vivi per miracolo. Dove si approda quando ci si avventura oltre l’orizzonte? Nel …

Leggi tutto