UN BLOG
IN FORMA DI MAGAZINE
E VICEVERSA

Allonsanfàn
Motivazione Ravera Schindler's List

La motivazione, l’indifferenza, la memoria

Le cronache raccontano che i rossoneri sono scesi in campo schiumando. Anche se bastava solo un pareggio, pare si siano dati una calmata solo sul tre a zero. Questione di motivazione, dice chi si intende di sport. Anche l’inattesa resistenza dell’esercito ucraino pare dipenda dalla motivazione, così decretano all’unisono i commentatori sul campo, una volta tanto …

Leggi tutto

Eichmann Dove inizia la notte Massini Piccolo teatro

Eichmann, la banalità del male dell’uomo qualunque

“Non c’è il bene e non c’è il male. C’è solo quello che va fatto”. Sul palco si consuma uno scontro immaginario. In un buio rotto solo da una luce fioca la filosofa ebrea Hannah Arendt (Ottavia Piccolo), scampata alle persecuzioni perché rifugiata negli Stati Uniti, interroga Adolf Eichmann (Paolo Pierobon). Vuole capire chi sia …

Leggi tutto

Giorno della memoria

Elena Loewenthal. Il Giorno della Memoria e la cattiva coscienza

Il Giorno della Memoria viene celebrato in tutto il mondo il 27 gennaio per commemorare le vittime dell’Olocausto. La data è stata scelta perché il 27 gennaio del 1945 l’Armata Rossa liberò il campo di sterminio di Auschwitz. Elena Loewenthal è l’autrice di un piccolo libro intitolato Contro il giorno della memoria (ADD editore). Poiché …

Leggi tutto

liliana segre sergio mattarella 90 anni

Liliana Segre, 90 anni e un monito: non deve tornare la paura dell’altro

«Cari ragazzi, tocca a voi. Prendete per mano i vostri genitori, i vostri professori. In questo momento d’incertezza prendete per mano l’Italia». E’ l’appello che Liliana Segre, rivolge – in un’intervista al Corriere della Sera – alle nuove generazioni. Lei, sopravvissuta ad Auschwitz, testimone di quel tragico passo di storia, oggi – 10 settembre 2020 …

Leggi tutto

Liliana Segre: «L’indifferenza alimenta la violenza»

«Lei non sa di cosa parla». Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, senatrice a vita, ha risposto così, con una nota dolce e severa insieme, alla domanda su cosa pensasse ogni mattina al risveglio nel campo di concentramento, sapendo di dover affrontare un’altra terribile giornata. «Lei non sa di cosa parla» ha detto a chi la …

Leggi tutto