UN BLOG
IN FORMA DI MAGAZINE
E VICEVERSA

Allonsanfàn
Auschwitz non finisce mai Gabriele Nissim

Auschwitz non finisce mai

Auschwitz non finisce mai. Auschwitz è sempre imminente. Perché il male esiste nella storia e tende a ripresentarsi. Perché non esiste un male soprannaturale: l’orrore nasce da una precisa volontà e da decisioni concrete, che conducono gli uomini a sterminare altri uomini per interesse, pregiudizio o accecamento ideologico. Gabriele Nissim, fondatore e presidente della fondazione …

Leggi tutto

La parola Guerra e l’illusione che non ce ne fossero più

Guerra è una parola che arriva alla nostra lingua dall’antico germanico. Infatti quei popoli barbari chiamavano wërra quello che i Romani definivano bellum e i Greci antichi polemos, e – visto che la lingua, come la storia, è fatta da chi vince – noi adesso usiamo la parola guerra, come gli inglesi usano war, mentre …

Leggi tutto

Di chi è Anne Frank? Il saggio di Ozick, i versi di Sereni, un sogno di Roth

Escono nuovi libri e pure un film su Anne Frank (A. F., la mia migliore amica, su Netflix dal primo febbraio). Qui siamo ripartiti dalla lettura di un giustamente “storico” pamphlet di Cynthia Ozick, riedito da La Nave di Teseo Di chi è Anne Frank? di Cynthia Ozick, apparso per la prima volta nel 1997, sul magazine …

Leggi tutto

Al Memoriale della Shoah per non banalizzare il male

A volte, di fronte ad un evento inaudito, le reazioni latitano in ragione dello stupore che si tramuta in sbigottimento. Le persone accorse ieri sera al Memoriale della Shoah di Milano hanno dimostrato il contrario: la risposta data alla disgustosa sceneggiata di Novara è stata tempestiva. Una cosa abbiamo di nuovo imparato: banalizzare il male …

Leggi tutto

Ricordando Maurensig. Viaggio intorno alla Variante di Lüneburg

La variante di Lüneburg è il primo libro di Paolo Maurensig, lo scrittore goriziano recentemente scomparso. L’opera è stata pubblicata da Adelphi nel 1993. Si tratta di un romanzo breve, un giallo atipico, con gli scacchi al centro della narrazione. La storia ci racconta di una vendetta, a lungo studiata, come la mossa di un maestro sulla scacchiera. …

Leggi tutto

Alberto Vigevani. La breve passeggiata a un passo dall’orrore

Un baule, detto “il generale” per la stazza e la paradossale difficoltà al trasporto, dà lo start proustiano a una serie di ricordi che sfilano nella novella La breve passeggiata (Sellerio, ma prima Rusconi 1993) di Alberto Vigevani e approdano a una sfuggente ma decisiva consapevolezza inseguita nel corso di una vita. “Il generale” viene …

Leggi tutto