UN BLOG
IN FORMA DI MAGAZINE
E VICEVERSA

Allonsanfàn

Nine Perfect Strangers. Tutti pazzi della guru Nicole Kidman

Sia lode allo showrunner di Nine Perfect Strangers (Amazon Prime) che eleva un monumento definitivo in forma di thriller alla cultura/sottocultura produttrice di guru da baraccone con annesse pratiche dette pomposamente new age. Si tratta peraltro del molto blasonato David E. Kelley (nel suo carnet Big Little Lies e The Undoing) qui affiancato da John …

Leggi tutto

I signori del fantasy. Una stagione escapista tra antiche saghe e nuovi serial

Mentre per un istante l’estate passava sul pianeta terra, ho trascorso un mese a leggere solo fantasy.  Chi ama il fantasy – io lo amo come la fantascienza, ma per motivi diversi – comprenderà. Il bello del fantasy è il potenziale escapista: ti porta all’estero in un luogo dove non sei rintracciabile, dove non hai notizie dal tuo piano di realtà, dove lo smartphone si è scaricato e chissenefrega. …

Leggi tutto

The Defeated. Berlino, dopo la guerra, è un posto da horror

Essendoci ormai più serie in Terra che spettatori di piattaforme tv, è essenziale che gli show runner – creature oggi essenziali perché mitopoieiche – non cannino location e periodo storico in cui muovere per tot puntate e a volte tot anni i propri eroi. Berlino di solito funziona. E in tempi immediatamente post bellici che …

Leggi tutto

Nuove serie. I ragazzi dello Zoo di Berlino si sono dimenticati di Christiane F.

Ieri Nel 1981, esce il film Christiane F. – Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino dal libro verità di Christiane Vera Felscherinow, basato su una serie di interviste uscite a puntate su Stern. Il film di Uli Edel amplifica lo shock, raccontando con stile crudo e luce livida una storia di tossicodipendenza e prostituzione …

Leggi tutto

Anna su Sky. Niccolò Ammaniti, l’adolescenza e il lutto

Niccolò Ammaniti si era dimostrato un buon cineasta ma un cattivo (o troppo indulgente) lettore dell’anima politica italiana nella serie Sky Il Miracolo (2018, sua la regia e il soggetto originale). Per un motivo semplice: sceneggiava gli acuti travagli interiori di un premier quasi calvinista – angosciato per il pianto di sangue irrefrenabile e inspiegabile …

Leggi tutto

(S)visto per voi. Godfather of Harlem: ci sei mancato, Forest Whitaker, non ci mancherai

Chiuso in isolamento in una cella ad Alcatraz, massacrato di botte dai secondini. Ecco dov’era Forest Whitaker, quella montagna d’uomo sempre sotto pericolo di frana e con l’occhio alla zuava, che avevamo lasciato a dar da mangiare ai piccioni, samurai con la vocazione da gattara. Una carriera culminata col premio Oscar per l’interpretazione del dittatore Idi …

Leggi tutto