UN BLOG
IN FORMA DI MAGAZINE
E VICEVERSA

Allonsanfàn

Maggiani e L’eterna gioventù della sua gente in cerca di giustizia

Sembrerebbe che non se ne siano accorti in molti, ma ad agosto Maurizio Maggiani è tornato nelle librerie con L’eterna gioventù (Feltrinelli). Se così è, forse, può imputarsi al fatto che l’uomo è di carattere schivo: per il lancio del libro, mi pare, ha rilasciato solo un’intervista all’Espresso e ha fatto una comparsata in tv. …

Leggi tutto

Tre piani. Nanni Moretti e l’architettura dell’infelicità

Tre piani. Non così tanti scalini dividono il piano terra dal terzo piano. Eppure c’è chi sceglie di prendere sempre e comunque l’ascensore, certo si fa prima, e chi invece continua a salire, scalino per scalino, forse perché ci si annoia meno. Chissà poi se è vero che in ascensore si fa prima. L’ultimo film …

Leggi tutto

Davide Orecchio, Storia aperta (e politica) di un uomo del secolo breve, da M. al Pci

È lecito nutrire dubbi sulla necessità dì conoscere la storia, sulla possibilità di legare il passato e il presente per ricavarne una qualche consapevolezza e, al più, una qualche presa sull’oggi – leggi Marc Bloch, leggi le vecchie lezioni di Edward Carr. Ma è di certo assodato quanto sia tossico vivere in una società che …

Leggi tutto

Augusten Burroughs: Correndo con le forbici in mano tra i memoir taroccati

Augusten Burroughs (Pittsburgh, 1965) ha fatto un bel giro in ottovolante a metà degli anni Duemila, da scrittore best seller di Correndo con le forbici in mano, per due anni nella chart del NYT. Si tratta del celebre memoir da cui viene tratto il film di Ryan Murphy con Annette Bening protagonista: è lei sullo schermo …

Leggi tutto

Athos Zontini. La bella indifferenza di un uomo alla deriva

Leggo volentieri i romanzi di formazione, o semplicemente di passaggio tra differenti stagioni della vita, forse perché sono spesso fatti di storie che “spostano”: se sottintendono crisi e disastro, alla fine trasportano il lettore in luoghi nuovi anche se possono abbandonarlo in un rischioso campo aperto. È un romanzo di questi La bella indifferenza di …

Leggi tutto

La nota dell’autore. Giulia Caminito su L’acqua del lago non è mai dolce

Questa rubrica si occupa essenzialmente delle Note d’autore e dei ringraziamenti alla fine dei libri Il primo capitolo di L’acqua del lago non è mai dolce (Bompiani) – mamma Antonia che irrompe in un ufficio pubblico per l’assegnazione di una casa popolare – è raccontato da un narratore onnisciente con l’intenzione di dirci dove siamo …

Leggi tutto