UN BLOG
IN FORMA DI MAGAZINE
E VICEVERSA

Allonsanfàn

Reckless Boy. Una storia di John Martyn con Beverley e Nick Drake

Le fotografie di questo pezzo sono state scattate in analogico (e si vede) dal mio amico Marco Moro durante un concerto milanese di John Martyn, precedente quello a cui accenniamo qui: datarlo non importa, è come se fossimo ancora sotto il palco *** C’è una piccola conferenza stampa in una saletta della Dischi Ricordi, prima …

Leggi tuttoReckless Boy. Una storia di John Martyn con Beverley e Nick Drake

Rassegnata considerazione sull’immaterialità del cinema (per di più chiuso)

Prendiamola alla larga. Ogni tanto si leggeva sul giornale un pezzo che attaccava così: “Cambia il volto del centro di Milano e i vecchi cinema lasciano il passo a negozi e megastore”. E poi il nome di una sala chiusa, sigillata peggio di una casa chiusa, via il Mignon e l’Excelsior, via l’Astra e il …

Leggi tuttoRassegnata considerazione sull’immaterialità del cinema (per di più chiuso)

Ciao Franco Loi, poeta del Casoretto. C’era tutta la nostra storia nei tuoi versi

Il 21 gennaio Franco Loi avrebbe compiuto 91 anni. Se ne è andato, invece, ieri, all’inizio di questo cupo 2021. Pubblico qui una breve riflessione – scritta quando Loi c’era ancora, prima che il titolo di più grande poeta italiano vivente diventasse vacante Ho camminato da piazza Durante a via Casoretto, ieri sera, e sono …

Leggi tuttoCiao Franco Loi, poeta del Casoretto. C’era tutta la nostra storia nei tuoi versi

La prima onda. galleria vittorio emanuele milano

57 autori per La prima onda. Cronache da una Milano ferma (tutta da ripensare)

C’è una metropoli abituata a correre correre correre che all’improvviso si ferma. Le strade diventano deserte, i rumori si spengono e si fanno urla di sirene di ambulanze. Piazza San Babila, piazza della Scala, la galleria Vittorio Emanuele, i Navigli, piazza Gae Aulenti: tutto è perfetto. Ma deserto. La Milano del primo lockdown è protagonista …

Leggi tutto57 autori per La prima onda. Cronache da una Milano ferma (tutta da ripensare)

Zinaida_Serebriakova_Banja

Arte in stand by. Divine e Avanguardie a Palazzo Reale. Perché ripartire dalle donne russe

È una citazione colta e raffinata del nudo classico, il quadro Banja di Zinaida Serebrjakova del 1913 (nell’immagine sopra). Su questa tela rivive il modello degli antichi nella ricerca della plasticità dei corpi, con la linea e la luce a creare le forme, in una composizione che rivela le suggestioni dell’arte del passato. È un’opera che …

Leggi tuttoArte in stand by. Divine e Avanguardie a Palazzo Reale. Perché ripartire dalle donne russe

Piazza Fontana. Al cinema con Pietro Valpreda e la maggioranza silenziosa

È un po’ strano andare a cercare la tomba di un uomo del popolo, un anarchico per di più, al cimitero Monumentale di Milano, dove sono sepolte le grandi famiglie borghesi lombarde: basta leggere i nomi scolpiti sulle edicole, sopra i sepolcri più imponenti, e si fa il ripasso mentre cammini in mezzo ai viali. …

Leggi tuttoPiazza Fontana. Al cinema con Pietro Valpreda e la maggioranza silenziosa