UN BLOG
IN FORMA DI MAGAZINE
E VICEVERSA

Allonsanfàn
Dominique Strauss Khan, Dsk

Stanza 2806. Dominique Strauss-Khan, Dsk, il Berlusconi che non ce l’ha fatta

Quando il tuo nome viene siglato nei titoli dei giornali significa che basta la parola. Non c’è bisogno più di spiegare chi sei. A volte diventi anche un brand come Cr7, ma quella è un’altra storia. Dominique Strauss-Kahn, Dsk appunto, era invece un economista, un politico del Partito socialista francese che faceva un mestiere non …

Leggi tuttoStanza 2806. Dominique Strauss-Khan, Dsk, il Berlusconi che non ce l’ha fatta

Il racconto. Cent’anni fa, a Capodanno, tutti aspettavano Good Times

Sulla Sesta Avenue, tra la 43esima e la 44esima West, c’è un grande palazzo di uffici che si chiama The Hippodrome Building. Un nome curioso per un anonimo grattacielo, uno dei tanti di Midtown Manhattan. Non fatevi ingannare dal nome: dove adesso c’è quell’edificio non c’era un ippodromo, ma il più grande teatro del mondo. …

Leggi tuttoIl racconto. Cent’anni fa, a Capodanno, tutti aspettavano Good Times

Leggere. A proposito di niente: Woody Allen (forse) non ci prova più

Sembra preistorico il tempo in cui un nevrotico e occhialuto intellettuale, più d’aspetto che di spessore – lo nota lui paragonandosi a Philip Roth – con i suoi film faceva ridere il mondo civilizzato, cioè Manhattan e capitali europee, e si portava a letto le donne più belle. Due tempeste hanno reso Woody Allen (1935) …

Leggi tuttoLeggere. A proposito di niente: Woody Allen (forse) non ci prova più

Elliott Murphy. Lost in Paris ma live per la generazione di FB

Può capitare che Elliott Murphy canti una in fila all’altra due canzoni leggendarie come History e Lost Generation. Forse per questo conviene non mancare (o ripescare in streaming) l’appuntamento virtuale con il piccolo live show su FB, tutte le sere alle 20, voce chitarra e armonica, in quarantena da una casa di Parigi. Elliott Murphy, quando nel 1975 …

Leggi tuttoElliott Murphy. Lost in Paris ma live per la generazione di FB

Gabriele Pedullà. Nei Biscotti della fortuna c’è scritta la nostra sorte

La piacevole libertà di trovarsi fuori dal racconto stile Carver oppure da quello di scarnificazione del sé praticato nell’autofiction, fa tutt’uno con le sorprese contenute in questi Biscotti della fortuna (Einaudi) di Gabriele Pedullà (Roma, 1972), autore in undici anni di un romanzo, Lame, e di un altro volumetto di storie brevi, Lo spagnolo senza …

Leggi tuttoGabriele Pedullà. Nei Biscotti della fortuna c’è scritta la nostra sorte